IT Security- VALORE DELLE INFORMAZIONI – Motivi per proteggere le informazioni personali

I motivi per cui è importante proteggere i dati riguardanti le proprie informazioni personali spesso sono abbastanza evidenti. Si pensi alle conseguenze di un accesso al proprio conto corrente bancario da parte di una persona che non sia il proprietario.
Un fenomeno frequente, nel campo della violazione dei dati personali, è il furto d’identità. Il furto d’identità consiste nell’ottenere indebitamente le informazioni personali di un soggetto al fine di sostituirsi in tutto o in parte al soggetto stesso e compiere azioni illecite in suo nome o ottenere credito tramite false credenziali.
Le informazioni personali carpite possono essere: nome, cognome, indirizzo, codice fiscale, numero di telefono/cellulare, luogo e data di nascita, numero della carta di credito, estremi del conto corrente, nome dei figli, ecc.
L’attività di carpire informazioni ingannando un utente ed indurlo a rivelare dati sensibili e personali come le credenziali di accesso al proprio conto online è detta ingegneria sociale. L’ingegneria sociale si riferisce alla manipolazione delle persone, che vengono portate ad eseguire delle azioni o a divulgare informazioni riservate, invece di utilizzare tecniche di hacking per ottenere le stesse informazioni.

Attraverso operazioni di ingegneria sociale è possibile:
 Raccogliere informazioni riservate o di valore.
 Realizzare frodi, utilizzando le informazioni raccolte per commettere atti fraudolenti.
 Accedere a sistemi informatici in modo non autorizzato e, di conseguenza, consentendo potenzialmente l’accesso ad altre informazioni riservate.

Il fenomeno dell’ingegneria sociale è cresciuto proporzionalmente al diffondersi della rete internet. Infatti, nell’enorme mare di dati presente in internet è semplice reperire informazioni su una persona o un’azienda.
A tutti coloro che usano internet viene chiesto regolarmente di fornire dati personali per poter accedere a determinati siti o per poter acquistare beni. Spesso queste informazioni viaggiano sulla rete in chiaro e non in modalità protetta.
Un crescente numero di utenti, inoltre, sta fornendo un’elevata quantità di dati personali a social networks come MySpace, Facebook, chat, blog, ecc.

Ci sono poi delle tecniche specifiche di ingegneria sociale tramite internet, quali

Phishing – Questo termine identifica il furto di dati via mail. Il malvivente invia un’e-mail dichiarando di essere un incaricato di una banca o di una compagnia di carte di credito o di altre organizzazioni con cui si possono avere rapporti, richiedendo informazioni personali. Generalmente l’e-mail chiede di utilizzare un link per accedere ai dettagli del conto della vittima presso il sito della compagnia, adducendo motivazioni di sicurezza, riscuotere premi in denaro, beni tecnologici, ripristinare password scadute, etc. Cliccando su quel link, tuttavia, l’utente sarà condotto in un sito web solo all’apparenza originale, in cui dovrà fornire informazioni private. I criminali potranno poi utilizzare i dati lasciati in tale sito fittizio per rubare denaro alle loro vittime.

 Questionari on line.
 Ingannare qualcuno a proposito della propria identità durante una chat, in un forum, ecc.
 Finte promozioni o vincite: mediante la ricezione di messaggi (SMS, Email) che, con la scusa di promozioni o vincite ad esempio di un telefonino di ultima generazione, portano a un link che porta ad una azione di phishing finalizzata ad acquisire i dati personali.

Ci sono comunque altri metodi, che non comportano l’utilizzo di internet, attraverso cui i criminali recuperano le informazioni necessarie per rubare l’identità:

Bin-raiding. Documenti cartacei che non si ritiene importanti, come bollette del gas, della luce o del telefono, estratti conto e persino lettere personali e le buste in cui sono contenute, forniscono informazioni preziose che possono essere raccolte semplicemente rovistano nei rifiuti.

Contatti indesiderati. Si deve fare molta attenzione a chi ci contatta, anche telefonicamente: spesso i truffatori si dichiarano incaricati di una banca o di un ente pubblico e vi chiedono di aggiornare i vostri dati personali. Accade la stessa cosa con coloro che si presentano come ricercatori di mercato e richiedono informazioni personali.
Furto o smarrimento del portafoglio. Generalmente i portafogli contengono bancomat, carte di redito e documenti di identità come la patente di guida e le tessere di iscrizione a determinate associazioni.

  • Skimming. Lo Skimming consiste generalmente nella clonazione di una carta di credito attraverso l’apparecchiatura elettronica utilizzata negli esercizi commerciali per pagare i beni acquistati. I dati che vengono raccolti, sono poi trasmessi a organizzazioni criminali.
  • Rubare l’identità di un deceduto. I malviventi più spietati svolgono le loro attività criminali utilizzando l’identità di persone decedute, ottenendo informazioni sulla loro età, data di nascita ed indirizzo attraverso necrologi e pubblicazioni funebri.
  • Shoulder surfing (letteralmente “fare surf alle spalle”). Designa quella semplice tecnica a metà tra l’informatica e il social engineering finalizzata all’impadronirsi di codici di accesso.

About Francesco Bragadin

Insegno informatica, matematica e fisica. Ho terminato gli studi di ingegneria presso l'Università di Padova nel 1990 e mi occupo di analisi di reti, sviluppo siti web, applicazioni di app nell'ambito matematico.
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *