C++: gestione file

1 -Includere la libreria  <fstream>

2-  dichiarare (una o più) variabili di " tipo file “ (es. fstreamfile_dati;)

tipi consentiti:

–ifstream: variabile file di sola lettura

–ofstream: variabile file di sola scrittura

– fstream: variabile file di lettura/scrittura

  • ofstream miofile("prova.txt",ios::app); //apertura in AGGIUNTA

3- associare una variabile di tipo file a un oggetto di tipo file (tramite la funzione open()) (es. file_dati.open(“c:\Dati00.txt”);

 4- L'accesso ad un file consente di leggere e/o scrivere su file. Si utilizzano i normali comandi >>e <<su una variabile di tipo file (analogamente a cin e cout)

OSS: >>si può usare con una variabile di tipo lettura (ifstream), <<con una variabile di tipo scrittura (ofstream)

5-  al termine dell'uso di una variabile di tipo file, questa va "chiusa" usando la funzioneclose()

Ecco un semplice esempio di programma per la lettura:

include <iostream>

include <fstream>

using namespace std;
int main() {
int i, j, k;
char ch;
ifstream inFile; //dichiarazione file sola lettura
ofstream oFile;
inFile.open("dati.txt");// associa inFileal // file dati.txt
inFile>> i >> j >>ch;
cout<<i<<' '<<j<<' '<<ch; //scrive su schermo i //valori letti
inFile.close(); /* "chiusura" del file */
oFile.open("scrivo.txt",ios::app);
oFile<<"3 "<<"pippo";
oFile.close();

return 0;
}

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Lisbona - 5 - 8 Dicembre 2018 - Visita istruzione classi Quinte Informatica e Telecomunicazioni

Mercoledì 5 Dicembre

10:00 Piazza Vittoria Bolzano

16:40 Volo EZY2715 Easy Jet da Milano Malpensa

18:35 Arrivo a Lisbona

Trasferimento dall’aeroporto all’Hotel MASA ALMIRANTE (Avenida Almirante Reis, 68)

Linea Rossa, si scende ad Alameda e poi linea Verde e si scende ad Anjos.

Costo della corsa 1.40€

Utilizzare la mappa della metro per poter girare la citta.

Mappa_Metro_Lisbona.

Cena in ristorante vicino all'albergo.

Serata con visita di Alfama Lisbona

Ecco la mappa di Lisbona per poterla girare con comodità

mappa_porto_attrazioni

Giovedì 6 

Giro sul tram 28 Martim Moniz giro di 40 minuti dell'intera città fino ad arrivare Campo Ourique , fare il percorso inverso per ritrovarsi alla partenza e continuare la visita.

Visita di Alfama

    • Largo dos Portas do Sol a cui si raggiunge con due fermate di metro oppure a piedi 30 minuti
    • Cattedrale di Lisbona Largo da Sé
    • Chiesa di Sant'Antonio da Padova che è li vicino
    • Andare  ad Miradouro Santa Luzia: il belvedere si affaccia sul Tago ed è uno degli scorci più suggestivi del quartiere;
    • A questo punto di visita il Castello di São Jorge:Orari di apertura:
      Dal 1 novembre al 28 febbraio: dalle 9.00 alle 18.00 Costo del biglietto 5€.
    • Adesso si va a visitare il quartire di Graça a 12 minuti a piedi e si visita Monastero di São Vicente da Fora Vedremo magnifici azulejos che illustrano la vita di Lisbona nel 1600: dedicheremo  del tempo ad osservarli perchè sono veri e propri capolavori. Potretemo ammirare ad esempio scene della presa di Lisbona e della sconfitta dei mori mentre al primo piano si trova una raccolta unica di azulejos che raccontano ben 38 favole poco conosciute di La Fontaine. - Sul tetto del monastero si vedrà l'intera città.  Costo del biglietto 4€ 
    •  Mouraria è il quartiere di origine araba sempre d Alfama

Venerdì 7 

Mattina

Quartiere di Belen

Partendo con il treno da Cais do Sodrécon arrivandoci con la metro si arriva a Padrão dos DescobrimentosRealizzato per celebrare l’epoca delle scoperte, raffigura i navigatori portoghesi e la rosa dei venti rappresentata a nord del monumento, contiene al centro le rotte da essi scoperte.

Li si visiterà Monastero dos Jerónimos Costruito per il ritorno dal viaggio delle Indie di Vasco da Gama, al suo interno è possibile visitare il Museu de Arqueología e il Museu de Marinha.

Belém è il posto giusto non solo per chi è appassionato di mare ma anche per chi ama il verde: il Jardim do Ultramar e il Jardim Botânico da Ajuda sono il luogo ideale per una visita non solo fatta di relax; durante tutto l’anno è possibile imbattersi in qualche attività sociale: dal teatro a corsi di giardinaggio, da feste tradizionali a festival musicali. Da provare infine, i famosi pastéis de nata, tipici (e deliziosi) dolci portoghesi alla crema serviti con una spolverata di cannella o cacao. Si dice che il pastel de nata nacque proprio a Belém, dove tutt’ora vi è la rinomata e famosa pasticceria Pastéis de Belem; con i suoi azulejos che la caratterizzano produce quasi 15.000 pasteis de nata al giorno.

Torre di Belem.

Ponte del 25 aprile

Il pomeriggio

  • escursione a Sintra Partendo dalla stazione di Rossio  Fermata Restauradores (con la linea verde) e a soli 30 minuti da Lisbona, si rimane incantati dal paesaggio che la città di Sintra offre. Patrimonio dell’umanità, questa piccola città ha qualcosa di speciale e anche un po’ fiabesco. Presso la stazione di Sintra, l’autobus 434 dà la possibilità di ammirare le principali bellezze del centro senza fare troppa fatica
  • Castello dei Mori a Sintra Costo del biglietto 8€

Sabato mattina 8 Dicembre

Campo di Santa Clara vi è il mercato delle pulci per prendere qualche ricordo

Partenza dall'albergo  per l'aeroporto per le ore 15:30

volo EZY2716 delle 17 verso Milano Malpensa quindi ritorno a Bolzano verso le ore 01:00 della domenica.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

GPOI - Test su CPM

jim warren

GPOI - CPM

Bisogna indicare un testo
Bisogna indicare un testo
Bisogna riempire questo campo
Bisogna indicare una data

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Raspberry - Access Point come bridge senza dhcp utilizzando il proxy della LAN per controllo del traffico

A differenza del post hot spot con Rasperry che creava sì un accesso wifi ma attivava un dhcp per la gestione delle sole connessioni wifi, in questo caso si crea un "semplice" bridge tra la porta eth0 e wlan0 usando bridge-utils in maniera molto attenta.

Tale scelta demanda al dhcp della LAN l'assegnazione degli indirizzi IP e nel contempo interviene il proxy presente nella LAN stessa con la relativa autenticazione e regole del firewall e controllo della navigazione.

Ecco i dettagli tecnici per la sua realizzazione:

apt-get install hostapd bridge-utils

bloccare il servizio hostapd

service hostapd stop
nano /etc/dhcpcd.conf

aggiunger

denyinterfaces wlan0

denyinterfaces eth0

alla fine del file ma sopra le altre righe  interface

Aggiuungo una porta virtuale che chiamo br0

brctl addbr br0

Connetto la porta di rete  eth0 al bridge br0.

brctl addif br0 eth0

ora vado a modificare il file interfaces

nano /etc/network/interfaces

aggiungerndo le seguenti righe

# Bridge setup
auto br0
iface br0 inet manual
bridge_ports eth0 wlan0

ora vado a modificare il file di configurazione hostapd.conf

nano /etc/hostapd/hostapd.conf

in questa maniera:

interface=wlan0
bridge=br0
ssid=NameOfNetwork
hw_mode=g
channel=7
wmm_enabled=0
macaddr_acl=0
auth_algs=1
ignore_broadcast_ssid=0
wpa=2
wpa_passphrase=AardvarkBadgerHedgehog
wpa_key_mgmt=WPA-PSK
wpa_pairwise=TKIP
rsn_pairwise=CCMP

se voglio modificare la banda di trasmissione posso seguire la seguente legenda:

'hw_mode=g' a 'hw_mode=a'

  • a = IEEE 802.11a (5 GHz)
  • b = IEEE 802.11b (2.4 GHz)
  • g = IEEE 802.11g (2.4 GHz)
  • ad = IEEE 802.11ad (60 GHz).

adesso devo modificare:

nano /etc/default/hostapd

trovare la linea #DAEMON_CONF, e sostituirla con:

DAEMON_CONF="/etc/hostapd/hostapd.conf"

andare nel file /etc/sysctl.conf

net.ipv4.ip_forward=1

adesso modificare le tabelle del firewall

iptables -t nat -A  POSTROUTING -o eth0 -j MASQUERADE
sh -c "iptables-save > /etc/iptables.ipv4.nat"

Andare sul file  /etc/rc.local ed aggiungere sopra "exit 0" questa regola:

iptables-restore < /etc/iptables.ipv4.nat

Dopo il reboot da un semplice ipconfig si vedrà che SOLO la porta logica br0 avrà asseganto l'indirizzo IP.

 

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Linux/Raspberry : impostare che tutta la navigazione vada sul proxy

Una volta impostato un proxy, ad esempio squid, è necessario obbligare tutti gli utenti a dover navigare attraverso il proxy.

Per far questo si va a modificare il file

nano /etc/squid/squid.conf

e si ricerca la porta di default dello squid sostituendo la 3128 con la 8080.

Poi aggiungere alla tabella NAT del firewall la seguente riga:

iptables -t nat -A PREROUTING -i eth0 -p tcp --dport 80 -j REDIRECT --to-port 8080

a questo punto tutto il traffico deve passare per il proxy.

Se si dovesse solo vedere la regola inserita si deve digitare il comando:

iptables -t nat --list

se si volesse cancellare la regola appena inserita digitare:

iptables -t nat -D PREROUTING 1

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Raspberry: installare Proxy squid e Webmin

Impostare un proxy server per:

  • creare una cache per memorizzare le pagine web senza che ogni client debba effettuare la richiesta al server
  • per controllare l'accesso
sudo apt-get install squid -y

aprire il file di configurazione:

nano /etc/squid/squid.conf

usa Ctrl + W per trovare ogni sezione

http_access allow localnet --> rimuovi #
Trova: acl localnet section

aggiungi:
acl localnet src YOUR CIDR IP RANGE # Description

ad esempio 

acl localnet src 192.168.5.0/24 # Home Network

Assicurarsi che il range e la sottomaschera corrisponda al range della tua rete.

Trova: # dns_v4_first off rimuovi # e cambia off a on.

impostare

Cache_mem 256 MB

impostare:

maximum_object_size 4096 MB

impostare

Maximum_object_size_in_memory 8192 KB

impostare la seguente configurazione:

cache_dir ufs /var/spool/squid  8192 16 256

quindi:

service squid restart

Gestione grafica di squid:

apt-get -f install
apt-get -y install apache2 apache2-suexec-custom libnet-ssleay-perl libauthen-pam-perl libio-pty-perl apt-show-versions samba bind9 webalizer locate mysql-server

con questo comando alla fine installo LAMP con mariadB

quindi installo la parte grafica per gestire il proxy:

apt-get install squid-cgi

vado sulla root e creo la directory:

mkdir installed-packages

 

wget http://www.webmin.com/download/deb/webmin-current.deb

adesso aggiungo il pacchetto appena scaricato e installo la parte grafica:

dpkg -i webmin-current.deb

quindi accedere all URL corrispondente allìIp del server:

https://ipserver:10000

 

login pi

password quella impostata come amministratore del raspberry.

SI vedrà una console completa del sistema.

Lasciando le impostazioni della rete impostate in fase di installazione le impostazioni per il funzionamento del proxy saranno:

10.0.0.1:3128

Normalmente il proxy utilizzerà la porta 3128 o 8080

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Raspberry - hotspot wifi - senza proxy nella LAN

Jim Warren

Bisogna prima di tutto installare

apt-get install dnsmasq hostapd

a questo punto si va:

nano /etc/dhcpcd.conf

aggiungere la seguente riga alla base del file:

denyinterfaces wlan0

Ora dobbiamo configurare l’ IP statico.

nano /etc/network/interfaces

allow-hotplug wlan0
iface wlan0 inet static
address 172.24.1.1
netmask 255.255.255.0
network 172.24.1.0
broadcast 172.24.1.255
# wpa-conf /etc/wpa_supplicant/wpa_supplicant.conf

auto eth0
allow-hotplug eth0
iface eth0 inet dhcp
wpa-conf /etc/wpa_supplicant/wpa_supplicant.conf
iface default inet dhcp

per far ripartire l'interfaccia bisogna digitare

service networking restart

HOSTPAD

Ora dobbiamo configurare hostapd.
Dobbiamo creare un nuovo file di configurazione con il comando

nano vi /etc/hostapd/hostapd.conf

# This is the name of the WiFi interface we configured above
interface=wlan0

# Use the nl80211 driver with the brcmfmac driver
driver=nl80211

# This is the name of the network
ssid=VoxPopuli-Hub

# Use the 2.4GHz band
hw_mode=g

# Use channel 6
channel=6

# Enable 802.11n
ieee80211n=1

# Enable WMM
wmm_enabled=1

# Enable 40MHz channels with 20ns guard interval
ht_capab=[HT40][SHORT-GI-20][DSSS_CCK-40]

# Accept all MAC addresses
macaddr_acl=0

# Use WPA authentication
auth_algs=1

# Require clients to know the network name
ignore_broadcast_ssid=0

# Use WPA2
wpa=2

# Use a pre-shared key
wpa_key_mgmt=WPA-PSK

# The network passphrase
wpa_passphrase=raspberry

# Use AES, instead of TKIP
rsn_pairwise=CCMP

quindi dare il comando

/usr/sbin/hostapd /etc/hostapd/hostapd.conf

Apri il file di configurazione di hostapd con

nano /etc/default/hostapd

e cerca la riga #DAEMON_CONF="".

Deve essere sostituita con DAEMON_CONF="/etc/hostapd/hostapd.conf".

mv /etc/dnsmasq.conf /etc/dnsmasq.conf.orig
vi /etc/dnsmasq.conf

interface=wlan0 # Use interface wlan0
listen-address=172.24.1.1 # Explicitly specify the address to listen on
bind-interfaces # Bind to the interface to make sure we aren't sending things elsewhere
server=8.8.8.8 # Forward DNS requests to Google DNS
domain-needed # Don't forward short names
bogus-priv # Never forward addresses in the non-routed address spaces.
dhcp-range=172.24.1.50,172.24.1.150,12h # Assign IP addresses between 172.24.1.50 and 172.24.1.150 with a 12 hour lease time

Una delle ultime cose che dobbiamo fare è di abilitare l’inoltro dei pacchetti.

Per fare questo apriamo il file sysctl.conf con sudo vi /etc/sysctl.con e togliamo il commento dall’inizio della riga che contiene net.ipv4.ip_forward=1.

L’operazione appena fatta diventa effettiva al prossimo riavvio della raspberry, ma è possibile attivare subito la modifica con:

sh -c "echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward"

A questo punto facciamo un ultima operazione che ci consentirà di condividere la connessione internet della Raspberry Pi (attraverso la scheda di rete) con i dispositivi collegati tramite WiFi. Per farlo bisogna configurare un NAT tra l’interfaccia wlan0 e l’interfaccia eth0. Possiamo farlo utilizzando i seguenti comandi:

iptables -t nat -A POSTROUTING -o eth0 -j MASQUERADE
iptables -A FORWARD -i eth0 -o wlan0 -m state --state RELATED,ESTABLISHED -j ACCEPT
iptables -A FORWARD -i wlan0 -o eth0 -j ACCEPT

Questa ultima configurazione deve essere applicata tutte le volte che la Raspberry viene riavviata, quindi procediamo in questo modo. Prima di tutto ci salviamo le regole in un file:

sh -c "iptables-save > /etc/iptables.ipv4.nat

poi, per fare in modo che vengano applicate ad ogni reboot della Raspberry, ne aggiungiamo l’esecuzione nel file rc.local. Tale file, situato sotto /etc, viene eseguito ogni volta che la Rasp parte. Quindi, riassumento:

vi /etc/rc.local
al cui interno metteremo:

iptables-restore < /etc/iptables.ipv4.nat
IMPORTANTE: Se non vuoi che la Rasp si blocchi in fase di boot, ricorda di controllare che alla fine del file /etc/rc.local ci sia sempre l’istruzione exit 0 alla fine.

Reboot del rapberry

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

TPSIT - CIDR - Classless Inter-Domain Routing

Jim Warren

Il CIDR (Classless Inter-Domain Routing) è un nuovo schema di indirizzamento introdotto nel 1993 per sostituire lo schema classful secondo il quale tutti gli indirizzi IP appartengono ad una specifica classe (classe A, B e C).

La notazione usata per esprimere indirizzi CIDR è la seguente: a.b.c.d/x, dove x è il numero di bit (contati partendo dal più significativo a sinistra) che compongono la parte di indirizzo della rete. I rimanenti y = ( 32 − x ) bit consentono di calcolare il numero di host della sottorete pari a 2^{y}-2  ( − 2 ) è dovuto al fatto che il primo e l'ultimo indirizzo di ogni rete non sono assegnabili ad alcun host, in quanto riservati rispettivamente come indirizzo della rete in generale (usato ad esempio nelle tabelle dei router) e come indirizzo di broadcast (ovvero un indirizzo che comprende indistintamente ogni altro indirizzo all'interno di quella rete: viene usato ad esempio in alcuni protocolli di routing).

Utilizzando il CIDR, possiamo scegliere che struttura dare all’indirizzamento specificando semplicemente che parte assegnare alla rete e quale assegnare all’host.

Prendiamo due reti e assumiamo che gli host appartengano allo stesso dominio di collisione (uno switch o un hub):

  • 192.168.0.0/24 – netmask: 11111111.11111111.11111111.00000000 (255.255.255.0)
  • 192.168.1.0/24 – netmask: 11111111.11111111.11111111.00000000 (255.255.255.0)

Alle due reti sono assegnati 256 IP (28 bit) ciascuna, tra cui 254 usabili per gli host (difatti il .0 è riservato per la rete ed il .255 per il broadcast). Tuttavia, gli host di una rete non saranno in grado di raggiungere gli host dell’altra rete, pur essendo connessi allo stesso dominio di collisione. Ciò è dovuto al fatto che, avendo scelto come prefisso di routing i primi tre ottetti, le due reti risultano totalmente indipendenti e disconnesse l’un l’altra. Dunque, affinché gli host delle due reti possano vedersi, è necessario collegarle ad un router in grado di instradare i pacchetti.

Una seconda soluzione consiste nel diminuire di un bit il prefisso di routing, assegnando così a tale porzione 23 bit anziché 24, al fine di formare due sotto-reti:

  • 192.168.0.0/23 – netmask: 11111111.11111111.11111110.00000000 (255.255.254.0)
  • 192.168.1.0/23 – netmask: 11111111.11111111.11111110.00000000 (255.255.254.0)

In questo caso abbiamo i primi 23 bit assegnati al prefisso di routing, mentre i successivi 9 bit per gli host (512 IP). Poiché per ogni ottetto è possibile utilizzare fino a 256 bit, avremo due sotto-reti (192.168.0.0 e 192.168.1.0) in grado di comunicare senza necessità di instradare pacchetti tramite un router.

Voglio inserire i l link al seguente sito che calcola automaticamente la netmask ed il numero di host che possono essere presenti nella rete:

https://ipaddressguide.com/cidr

se adesso mettessimo come notazione della nostra rete:

172.16.0.1/12 avremo nella sottorete 255.240.0.0 e quindi

2^{20}-2=1.048.574 host a disposizione.

NOTA

Nella vecchia struttura a classi la notazione delle reti non permetteva un'efficiente suddivisione degli indirizzi in quanto le sottomaschere erano rigide:

classe A/8

classe B/16

classe C/24

in questo nuovo tipo invece si ha un'ottimizzazione degli indirizzi e dell'hardware.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Raspberry - impostare Chromium con proxy

Se si lavora con un proxy per poter navigare è necessario impostare il proxy.

Attenzione

il comando successivo non deve essre dato come root ma come utente non root:

chromium-browser --proxy-server="ipproxy:portaproxy"

se vine dato come root comparirà il seguent messaggio:

[1116/083633.698451:FATAL:chrome_main_delegate.cc(477)] Check failed: process_type.empty(). Unable to get the user data directory for process type: zygote
#0 0x0000020c0eb0 <unknown>
#1 0x0000020d8210 <unknown>
#2 0x00000086f530 <unknown>
#3 0x000001d2abcc <unknown>
#4 0x000001d31640 <unknown>
#5 0x000001d29c88 <unknown>
#6 0x00000086ed0c <unknown>
#7 0x000075501678 __libc_start_main

Received signal 6
#0 0x0000020c0eb0 <unknown>
#1 0x0000020c0e20 <unknown>
#2 0x0000755176c0 <unknown>
#3 0x00007551645c gsignal
[end of stack trace]
Calling _exit(1). Core file will not be generated.
[1708:1708:1116/083633.704762:FATAL:zygote_host_impl_linux.cc(182)] Check failed: ReceiveFixedMessage(fds[0], kZygoteBootMessage, sizeof(kZygoteBootMessage), &boot_pid).
#0 0x0000020a6eb0 <unknown>
#1 0x0000020be210 <unknown>
#2 0x00000105e388 <unknown>
#3 0x00000105d2d8 <unknown>
#4 0x00000105d908 <unknown>
#5 0x000000ceacb8 <unknown>
#6 0x000000cf20c8 <unknown>
#7 0x000000cea358 <unknown>
#8 0x000001d110cc <unknown>
#9 0x000001d179cc <unknown>
#10 0x000001d0fc88 <unknown>
#11 0x000000854d0c <unknown>
#12 0x00007557c678 __libc_start_main

Received signal 6
#0 0x0000020a6eb0 <unknown>
#1 0x0000020a6e20 <unknown>
#2 0x0000755926c0 <unknown>
#3 0x00007559145c gsignal
[end of stack trace]
Calling _exit(1). Core file will not be generated.

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Raspberry - apt-get con proxy

Jim Warren

Tale esigenza nasce quando si debba aggiornare o installare un pacchetto e si è in una LAN con un proxy attivo.

Io ho adottato questo metodo:

cd /etc/apt/apt.conf.d

poi:

sudo nano 10proxy

e poi ho scritto:

Acquire::http::Proxy "http://username:password@yourproxyaddress:proxyport/";

dove con username e password esattamente la password e username per accedere al proxy.

Altro comando:

export http_proxy="http://username:password@host:port/"

più compatto ma a volta potrebbe non funzionare.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento