Le disequazioni: introduzione

Carlo Carrà, “Donna al balcone”, 1912

Le disequazioni fanno sempre tanto paura perché si credono così distanti dalla realtà che non si capisce il motivo del loro studio. In realtà, il mondo che ci circonda è fatto soltanto da disequazioni: nulla è perfettamente uguale o congruente con un altra cosa! C’è sempre qualcosa che caratterizza lo spazio e questo qualcosa è spesso più grande o più piccolo di un altro qualcosa.

La regola ed unica che si deve ricordare per risolvere una disequazione è la seguente:

20 > 3

ma se adesso moltiplico per -1 a destra e a sinistra cambio il verso della disequazione ossia:

-20 < -3

Questa semplice regola nasce dalla realtà: pensiamo alla temperatura; quando ci sono 20 gradi fa molto più caldo rispetto a quando ve ne sono soltanto 3. In maniera analoga quando vi sono -20 gradi è molto più basso di quando ve sono soltanto -3.

Tutte le altre regole sono le stesse di quelle usate per le equazioni.

Esempio:

3x + 4 > 3

3x > 3 – 4

3x > -1

x > -1/3

Ossia soltanto i numeri che sono maggiori di meno un terzo risolvono la disequazione di partenza.

About Francesco Bragadin

Insegno informatica, matematica e fisica. Ho terminato gli studi di ingegneria presso l'Università di Padova nel 1990 e mi occupo di analisi di reti, sviluppo siti web, applicazioni di app nell'ambito matematico.
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *