GPOI - Sicurezza e rischi in azienda - La normativa di sicurezza sul lavoro

igor kandinsky

Cosa si intende per sicurezza sul lavoro

Sapere che quello che faremo non darà origine a pericoli.

Nel termine italiano “sicurezza” sono compresi due distinti concetti che in altre lingue sono espressi con parole differenti. Per esempio il termine inglese “security” corrisponde alla sicurezza intesa come protezione da atti intenzionali che potrebbero danneggiare cose o persone, mentre il termine “safety” riguarda la sicurezza delle persone, intesa come loro incolumità e quindi riguarda anche la sicurezza sul lavoro.

Entrando nello specifico, per sicurezza sul lavoro si intende la situazione nella quale il lavoratore è posto nella condizione di lavorare senza esporsi al rischio di incidenti, e in particolare il luogo di lavoro viene dotato degli accorgimenti e degli strumenti che forniscono un ragionevole grado di protezione contro la possibilità materiale del verificarsi di incidenti

In particolare la Comunità Europea ha emanato alcune Direttive in materia di salute e sicurezza dei lavoratori indirizzare a tutti gli stati membri, i quali le hanno recepite nella loro legislatura nazionale: decreto legge 9 aprile 2008, n.81 (testo Unico sicurezza) modificato dal decreto legge 3 agosto 2009 n. 106.

La legge della sicurezza sul lavoro

Il D.Lgs. 81/08 è conosciuto anche come il Testo Unico della Sicurezza sul Lavoro (TUSL) perché tratta tutti gli aspetti della salute e sicurezza sul lavoro. Ha avuto negli anni successivi alcune variazioni, tra le quali quelle indicate nel D.Lgs.106 del 2009.

Qua di seguito sono indicati i 13 titoli:

  • I Principi comuni
  • II Luoghi di lavoro
  • III Uso delle attrezzature di lavoro e dei DPI
  • IV Cantieri temporanei o mobili
  • V Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro
  • VI Movimentazione manuale dei carichi
  • VII Attrezzature munite di videoterminali
  • VIII Agenti fisici
  • IX Sostanze pericolose
  • X Esposizione ad agenti biologici
  • XI Protezione da atmosfere esplosive
  • XII Disposizioni in materia penale e di procedura penale
  • XIII Norme transitorie e finali

I titoli del D.Lgs. 81/08

tra i vari titoli voglio riportare solo quello più strettamente connesso con l'attività per la quale in questi anni siete stati preparati:

Titolo VII (artt. 172-179) contiene gli argomenti che riguardano le Attrezzature munite di videoterminali: Disposizioni generali, Obblighi del datore di lavoro, dei dirigenti e dei preposti, Sanzioni.

A completamento della normativa

A completamento del D.Lgs. 81/08 si sono sanciti i requisiti del docente per poter svolgere la formazione, l’organizzazione della formazione, la metodologia di  insegnamento/apprendimento, l’articolazione del percorso formativo suddiviso in una parte generale e una parte specifica, la formazione aggiuntiva per il preposto, la formazione dei dirigenti, gli attestati da rilasciare per la formazione erogata, i crediti formativi permanenti, l’aggiornamento quinquennale della formazione dopo lo svolgimento della prima parte.

Informazioni su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *