GPOI: obiettivi

alexander averin

Azienda ha uno scopo: mission

All’interno di un’organizzazione aziendale gli strumenti amministrativi per il conseguimento e la fissazione degli obiettivi si chiamano budget.

Top down

gli obiettivi sono posti dai vertici aziendali e imposti alle diverse aree produttive.

In questo modo si ottiene il risultato della coerenza ma si incontrano difficoltà a fornire
informazioni di dettaglio e – soprattutto – a motivare i singoli operatori.
La realtà, infatti, ci insegna che, nel fissare un obiettivo, è fondamentale il coinvolgimento
psicologico di chi lo deve materialmente conseguire.

Bottom-up

si chiede ai responsabili delle aree di porsi propri obiettivi; sarà Questo tipo d’approccio è fortemente motivante, ma ha lo svantaggio che i responsabili
delle aree potrebbero porsi obiettivi di troppo facile conseguimento.
Vi è inoltre un problema di coordinamento e armonizzazione con quelli che sono gli obiettivi aziendali generali.cura dei vertici prenderne atto.

Budget

L’orizzonte temporale del budget non è fisso ma varia, e per questo si parla di budget a
breve (se inferiore all’anno), a medio (da uno a tre anni), a lungo termine (oltre i tre anni).

budget delle vendite: attraverso esso si cerca di prevedere l’andamento del mercato.

budget di produzione e dei costi di produzione.
C’è poi il budget dei costi fissi, che – come vedremo – è in qualche modo indipendente
dai volumi di produzione.
Vi è inoltre il budget degli investimenti e disinvestimenti in cui si stabilisce l’acquisto o
la cessione di fattori produttivi: per esempio si pianifica l’acquisto o la vendita di un capannone;
tutti questi budget confluiscono in quello patrimoniale generale, in cui vengono
registrati gli effetti finanziari di tutti i budget precedenti.
Il budget sotto certi versi più importante, derivato da quello patrimoniale generale, e che
deve essere controllato continuamente, è il budget dei flussi di cassa.

Informazioni su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *