GPOI: come produrre e distribuire

Alexander Averin

La produzione è l’insieme delle operazioni attraverso le quali beni e risorse primarie vengono trasformati o modificati, con l’impiego di risorse materiali e immateriali, in beni e prodotti finali a valore aggiunto in modo da renderli utili a soddisfare la domanda e il consumo da parte dei consumatori finali.

La produzione comprende

  1. trasformazione del materiale: dal legno al mobile
  2. trasferimento dei beni nello spazio e nel tempo (stoccaggio)
  3. adattamento quantitativo (magazzino)

Produzione --> 2 soggetti il fornitore ed il cliente

Distinzione tra beni e servizi

  • i beni possono essere conservati e trasformati
  • i servizi sono consumati nel corso dell'attività e possono essere trasformati (nei servizi di formazione)

Prodotti e beni

Un prodotto è l frutto di un processo di trasformazione

Il bene invece è un prodotto posseduto.

Il prodotto ed il bene identificano lo stesso oggetto ma cambio il suo status a seconda di chi lo possiede. Ad esempio un computer finchè non è venduto è un prodotto, appena esso diventa di proprietà diventa un bene.

La quantità e la qualità

La produzione di un bene deve comprendere tre caratteristiche:

  • quantità
  • costo
  • qualità

Produzione

I fattori che descrivono la produzione sono:

  • la gestione della domanda
  • la progettazione
  • le risorse finanziarie

inoltre abbiamo:

  • risorse umane
  • macchine e strumenti
  • conoscenze tecniche
  • innovazioni tecnologiche
  • ricerca e innovazioni tecnologiche

Come distribuire

La distribuzione commerciale descrive i metodi attraverso i quali un commerciante vende i i prodotti.

Canali di vendita

  • canale diretto: nessun intermediario, l'azienda ha i propri punti vendita
  • canale corto o breve: attraverso un dettagliante, un intermediario
  • canale lungo: più intermediari

In tutti questi casi parliamo di filiera di produzione ossia quanti soggetti sono interessati alla commercializzazione del bene.

Copertura di mercato

3 tipi di distribuzione

  • intensiva: massimo numero di rivenditori
  • esclusiva:  solo un numero limitato di venditori
  • selettiva: un numero elevato di venditori ma selettiva

Strutture di distribuzione

  • al dettaglio--> il consumatore è l'utilizzatore finale
    • grande distribuzione: supermercati, ipermercati, i discount
    • piccola distribuzione: piccoli punti vendita
  • all'ingrosso: vendita ad altre aziende che poi lo rivendono o al consumatore finale o lo lavorano ulteriormente

Informazioni su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *