GPOI: profitto; break even point; punto di fuga

Hans/Jean Arp

Si chiama profitto o guadagno la differenza tra il ricavo e il costo totale di produzione.

La funzione profitto P(q) è:

P(q)=R(q)-C(q)

sostituendo le funzioni dei ricavi abbiamo:

P(q)=p\cdot q-C(q)

L'impresa tende alla massimizzazione del profitto, tale obiettivo viene raggiunto se l'impresa riesce, simultaneamente, a minimizzare i costi e a massimizzare i ricavi.

Massimizzare il profitto, in termini matematici, significa ricercare il massimo della funzione P(q) che si ottiene quando:

P^{'}(q)=0 e

P^{''}(q)<0

Ecco un diagramma di reddito in cui si rappresentano le curve dei costi e dei ricavi.

Il punto in cui la quantità prodotta con i relativi ricavi uguaglia i costi totali è detto punto d'equilibrio o punto di pareggio o break even point.

Per quantità 0\leqslant q\leqslant q_{1} l'impresa è in perdita.

Per quantità q_{1}\leqslant q\leqslant q_{2} l'impresa ha un utile

In questo grafico si riportano le curve dei costi medi e marginali

 

Il punto p di intersezione tra i grafici del costo medio e del costo marginale è chiamato punto di fuga e coincide con il minimo della funzione del costo medio.

Quando la retta del ricavo marginale, che coincide con il prezzo, scende al di sotto del minimo della curva del costo variabile medio, non è più conveniente produrre.

Informazioni su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *