PERT: diagramma a barre di Gantt

Kay Sage

Definizione e scopo dell'utilizzo

Il diagramma di Gantt è uno schema grafico che permette di visualizzare la durata delle
attività nel tempo.

lungo l’asse verticale sono elencate tutte le attività nelle quali è stato scomposto il progetto, mentre sull’asse orizzontale compare la variabile temporale, nell’unità di misura prescelta.

Questo tipo di diagramma viene utilizzato per fare il confronto, a un dato istante, fra lo
stato di avanzamento attuale del progetto e le previsioni originarie, per vedere quali attività sono in ritardo e/o quali sono in anticipo.

Esempio:

Pro e contro

Vantaggi Svantaggi
comprensione visiva immediata difficoltà di aggiornamento del programma (strumento poco flessibile);
posizionamento nel tempo delle varie attività non è esplicitata la logica del progetto
non sono rappresentate le interdipendenze tra le diverse attività (questo strumento non
lascia intendere se il compimento di un’attività sia necessario o meno per l’inizio di
un’altra).

Vantaggi  e limiti della rappresentazione reticolare

Vantaggi Svantaggi
migliore raggiungimento dell’obiettivo scarsa convenienza
nei casi semplici
 conoscenza a livello dettagliato delle parti componenti il progetto dall’assoluta necessità di avere buone previsioni sulle durate e sulle precedenze
per avere risultati affidabili
stima di tutti i tempi necessari per il completamento del progetto;
visualizzazione grafica
utilizzo di un vocabolario standard nell’ambito del progetto
creazione degli strumenti necessari per la valutazione dello stato di avanzamento dei lavori e delle modalità di intervento per eventuali correzioni al programma iniziale
identificazione delle attività problematiche, critiche

Info su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *