TPSIT: gli host della rete

Gli host della rete sono tutti gli apparecchi che sono collegati ad una rete che presentano quindi una scheda di rete.

il file /etc/hosts contiene l'elenco degli hosts conosciuti.

Ad esempio il file hosts presente nel mio pc linux contiene:

cat /etc/hosts

Per identificare un host si può usare indifferentemente l'indirizzo ip o il nome o i nomi .

Tra tutti gli host vi è sempre il loopback che ha come indirizzo sempre 127.0.0.1.

Un host non connesso ad una rete non avrebbe nessun indirizzo IP, per cui programmi in esecuzione che utilizzano IP come protocollo non potrebbero colloquiare. Ad esempio un applicativo che utilizzza un db non potrebbe collegarsi ad esso se non avesse un localhost.

Per verificare che un host è attivo o meno nella rete ed i tempi di risposta dello stesso si usa il comando ping.

Ho modificato il file hosts in questa maniera:

cat /etc/hosts

posso adesso effettuare il ping in queste tre maniere

  • ping 127.0.0.1
  • ping localhost
  • ping topolino

il comando ping si blocca con la sequenza Ctrl + C.

nmap

Il comando nmap consente di scoprire quali host sono presenti in una rete e quali servizi sono attivi su ciascun host. Questo programma effettua richieste su tante porte in modo da trovare quali servizi sono attivi. Effettua un portscanning e tramite esso si verifica la sicurezza della rete.

Per installare il programma nmap si usa il comando

sudo apt install nmap

ad esempio il sito www.whymatematica.com è, a tutti gli effetti un host nella rete internet.

effettuo l comando

nmap www.whymatematica.com

Un altro strumento di diagnostica è:

traceroute che permette di rilevare il percorso di rete (gateway, bridge, router, ecc) compiuto dal pacchetto tra l'host di partenza e l'host di destinazione.

Ad esempio:

traceroute www.whymatematica.com

fornisce come output:

 

 

 

 

 

 

 

Info su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *