GPOI: Avvio del progetto

Vincent Van Gogh

La fase di avvio di un progetto può variare da progetto a progetto ma esistono degli schemi che possono essere adottati alla realtà industriale con cui si lavora.

Contratto:

definisce:

cosa si deve fare--> obiettivo

in quanto tempo

prezzo pagato dal committente

Una volta firmato il contratto il Project Manager dovrà elaborare

  1. strategie ossia creare quelle congiunzioni tra le esigenze del cliente e le risorse interne dell'azienda in ci si opera.
  2. direttive necessarie per operare nell'azienda

Vi sono due modalità di partenza di un'attività:

  1. start up
  2. start

start up--> in progetti complessi in cui sono richieste molte sinergie tra le varie parti aziendali

  • unicità e complessità
  • forte valenza dei tempi e costi
  • alto grado di rischio

start--> semplice partenza di un progetto:

  • alta ripetitività
  • esistenza di un canale ben rodato
  • piattaforma conosciuta su cui portare a termine il lavoro

Fasi principali

La fase di avvio deve quindi seguire queste fasi:

  • scopo
  • pianificazione --> come fare il lavoro
  • programmazione --> in quanto tempo
  • pianificazione dei costi
  • organizzazione e procedure

Le attività iniziali quindi sono così declinate:

• revisione dei documenti contrattuali;
• definizione degli obiettivi interni;
• stabilire la comunicazione con il cliente;
• pianificazione generale;
• determinazione dell’organizzazione di progetto;
• definizione dei codici di progetto;
• emissione dei dati di base;
• esecuzioni di riunioni di lancio interno (kick-off meeting);
• definizione di una procedura di coordinamento tra le parti coinvolte;
• analisi dei costi (preventivo operativo vs preventivo d’offerta);
• emissione dì una programmazione preliminare;
• verifica dei programmi delle funzioni.

ARCHITETTURA DI UN PROGETTO

Project start up: analisi degli obiettivi, confronto quest'ultimi con le difficoltà tecniche, rapporto con i fornitori

Pianificazione generale: stesura di regole operative attraverso procedure attraverso le quali si verificherà l'andamento del lavoro

Programmazione tecnica: viene creato dai responsabili tecnici assieme alla pianificazione dei lavori

Piani operativi: creazione di piani esecutivi

PREVENTIVO

Vi sono tre tipi di preventivo:

iniziale: viene stipulato prima di stipulare il contratto con il cliente e fornisce il prezzo di vendita, quindi si prendono i contatti con il cliente emettendo un avanprogetto che dovrà essere visto e ponderato dall'intera azienda per capire come poter operare.

esecutivo o budget di commessa: viene redatto dopo aver chiuso la trattativa con il cliente. Il Project Manager verifica:

  • i documenti contrattuali
  • congruenza tra il preventivo iniziale e quello esecutivo
  • attendibilità del progetto
  • disponibilità dei fornitori

2 tipi di documentazione

tecnica:

• illustrazione sintetica del progetto;
• performance contrattuali dell’impianto;
• programma lavori;
• previsione dell’avanzamento tecnico;
• previsione d’impiego di risorse umane;

economica finanziaria:

• previsione del costo delle forniture, dei lavori civili e dei montaggi;
• previsione degli incassi e degli esborsi;
• previsione dei costi finanziari.

aggiornato: ogni mese si aggiornano i costi rispetto al preventivo esecutivo

Due tipi di costi:diretti:i costi dei materiali diretti, della manodopera diretta, della progettazione, dei materiali e macchinari, delle opere civili, dei montaggi, dei trasporti, ecc.; cioè tutti quei costi che saranno esclusivamente sostenuti per quello specifico progetto o risulteranno comunque riferibili al medesimo, secondo una misurazione oggettiva della quantità fisica di risorse impiegate.

pieni: costi indiretti industriali, amministrativi, commerciali.

Informazioni su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *