GPOI - Le metriche del software - Fase 4 - complessità di FP

Dato che alcune delle funzionalità possono essere più complesse di altre e quindi richiedono più tempo per essere sviluppate, il metodo di conteggio IFPUG prevede che le occorrenze di queste funzionalità siano pesate da chi effettua il conteggio.

Si utilizzano delle tabelle di riferimento operando in due passi:

un primo giudizio di complessità che può essere basso, medio ed alto

un secondo passo che assegna un punteggio che varia da 3 a 5

Per valutare la complessità si usano i seguenti indicatori:

  • DET Data Element type: un campo non ripetuto, riconoscibile dall'utente
  • RET Record Element type: un sottogruppo di dati riconoscibili dall'utente all'interno di un ILF/EIF
  • FTR File Type referrenced: si tratta di un file logico interno (ILF) letto o mantenuto dalla funzione, oppure un file esterno (EIF) letto dalla funzione (da EI/EQ/EO)

Input Esterni EI External Inputs

Per ogni EI si conta il numero di file FTR che utilizza e il numero di DET che questi file hanno al loro interno da utilizzarsi come coordinate per determinare il valore della complessità.

FTR/DET1-45-1516
0-1BassaBassaMedia
2BassaMediaAlta
3MediaAltaAlta

Il valore ottenuto di complessità (basso, medio o alto) viene convertito in un numero, rispettivamente basso=3, medio=4 e alto=6.

Output Esterni EO - External Outputs

Per ogni EO si conta il numero di file FTR che utilizza il numero di DET che questi file hanno al loro interno da utilizzarsi come coordinate per determinare il valore di complessità della seguente tabella:

FTR/DET1-56-1920
0-1BassaBassaMedia
2-3BassaMediaAlta
4MediaAltaAlta

Il valore ottenuto di complessità (basso, medio o alto) viene convertito in un numero, rispettivamente basso=4, medio=5 e alto=7.

Richieste Esterne EQ External Inquiries

La stessa analisi condotta per gli EI e gli EO può essere condotta per gli EQ ma utilizzando il maggiore degli EI ed EO così come prescritto nel IFPUG counting pratices manual.

File Logici Interni (ILF - Internal Logical Files) e File Esterni di Interfaccia (EIF - External Interface Files)

Per ogni file, sia che si tratti di un file ILF che di un EIF, si conta il numero di file RET che questo definisce e il numero di DET che questi contengono al loro interno da utilizzarsi come coordinate per determinare il valore di complessità della seguente tabella:

FTR/DET1-1920-5051
1BassaMediaAlta
2-5BassaMediaAlta
6BassaMediaAlta

Il valore ottenuto di complessità (basso, medio o alto) viene convertito in un numero utilizzando la seguente tabella:

ComplessitàILFEIF
Bassa75
Media107
Alta1510

Il valore di UFP è dato dalla somma delle 5 componenti funzionali così individuate.

Riprendo l'esempio precedente che riporto per comodità:

1 schermata (cognome, nome, luogo di nascita, data di nascita, CF)

funzioni realizzate: inserimento, modifica, cancella

  • tutti i dati possono essere inseriti, modificati e cancellati dall'utente
  • la ricerca è limitata allo scrolling delle anagrafiche
  • 1 file per la memorizzazione dei dati
  • 1 query per la ricerca degli elementi di una tabella
  • 1 prospetto di stampa su cui sono presenti i dati della schermata e l'età media degli individui censiti nell'anagrafe

About Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *