TPSIT – Crittografia – Cifratura Polialfabetica

Si è nel 1467 e Leon Battista Alberti  scrive De cifris , conservato nella biblioteca Marciana a Venezia, e introduce la crittografia nell’epoca moderna.

Esso si compone di due dischi concentrici, in cui in uno vi è l’alfabeto perfettamente ordinato, nell’altro le lettere poste in maniera casuale.

Permette la sostituzione delle lettere con periodi irregolari.

Indice mobile

Si fissa una lettera nel cerchio interno ad esempio la g (indice da cui si parte) a cui corrisponde la A nel cerchio esterno. Si avranno i seguenti alfabeti:

disco stabile: ABCDEFGILMNOPQRSTVXZ1234

disco mobile: gklnprtuz&xysomqihfdbace

Si supponga di voler spedire il messaggio:

LAGVER2RA

esso si codifica come:

zgthpmamg

All’inizio del messaggio cifrato si inserisce la lettera a cui dovrà puntare la lettera g (indice) ossia alla lettera A. Ossia il disco interno metterà sempre la g che punta alla A. Da notare che è stato inserito un 2 e viene eliminato nella fase di decifrazione. Viene inserito il 2 per evitare di mettere due volte la stessa lettera nel messaggio cifrato.

Il messaggio inviato sarà dunque:

Azgthpmamg

Adesso si vuole cambiare ad esempio la g dovrà puntare ad un’altra lettera , ad esempio la Q, facendo ruotare il disco interno e si avrà questo nuovo alfabeto:

disco stabile: ABCDEFGILMNOPQRSTVXZ1234

disco mobile: ysomqihfdbacegklnprtuz&x

Quindi la g punterà alla Q

voglio mandare il messaggio: SI FARA’

Qlfiyky

l messaggio completo sarà quindi:

AzgthpmamgQlfiyky

Da notare che la lettera maiuscola indica il fatto che si debba ruotare il disco interno.

Indice fisso

In questo caso l’indice fisso viene posto nel disco esterno ad esempio la A  e si mette la m come lettera corrispondente nel cerchio interno.

disco stabile: ABCDEFGILMNOPQRSTVXZ1234

disco mobile: mqihfdbacegklnprtuz&xyso

Spedisco il messaggio:

LAGVERA3

Si nota che si toglie la doppia per evitare la decifratura.

esso diventa

cmbufpms

come prima lettera però si inserisce la lettera a cui punta il disco esterno ossia diventa:

mcmbufpms

Si noti che il numero 3 indica il fatto che adesso la lettera s punterà alla A e non più la m avendo un nuovo alfabeto:

disco stabile: ABCDEFGILMNOPQRSTVXZ1234

disco mobile: somqihfdbacegklnprtuz&xy

Invio adesso:

SIFARÀ

sndhsls

CONCLUSIONE

La cifratura di Cesare è una sostituzione semplice, basata sullo spostamento di un unico alfabeto ordinato rispetto a sé stesso, con chiave fissa.

Nella cifra di Alberti gli alfabeti sono due, mischiati, e la chiave varia in continuazione durante il messaggio, quindi la scoperta di una sola lettera non permette altri progressi nella decrittazione e lo studio delle frequenze non dà risultati perché la stessa lettera. chiara è cifrata sempre in modo diverso.

Über Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Dieser Beitrag wurde unter Senza categoria veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.