GPOI: WBS --> approfondimento

 

Andre Breton

La WBS è utilizzata per scomporre un progetto in una serie di componenti di dimensioni più piccole  e quindi più facili da gestire.

 Ciò consente di rappresentare meglio l’ambito del progetto e le modalità di produzione dei vari deliverable da parte del team di progetto. Inoltre consente una migliore comunicazione con gli stakeholder del progetto in quanto costituisce una rappresentazione grafica sintetica del lavoro da svolgere che può essere compresa anche da persone non addette ai lavori.

Questa scomposizione produce i seguenti benefici in termini di:

  • migliore organizzazione di progetto;
  • più agevole individuazione ed allocazione delle responsabilità;
  • individuazione dei punti di controllo e delle milestones da introdurre nel progetto;
  • più agevole stima dei costi, dei rischi e dei tempi di progetto;
  • migliore descrizione dell’ambito di progetto nei confronti degli stakeholder.

Non esistono regole fisse per disegnare una WBS ed il livello di dettaglio a cui si può giungere dipende dalla “granularità” del controllo che si vuole raggiungere. Maggiori sono i livelli ed il dettaglio, maggiore sarà il controllo sul progetto.

In generale, l’identificazione delle attività che scaturisce dall’analisi dei worl package dovrebbe portare ad attività di durata non inferiore ad un giorno e non superiore alle due settimane di lavoro.

Dal punto di vista grafico possono essere forniti diversi esempi di WBS tutti riconducibili alle seguenti tre tipologie: forma tabellare oppure di grafico oppure di struttura ad indice. E’ importante ricordare che questo documento ha come principale obiettivo quello di comunicare agli stakeholder cosa è contenuto nel progetto e, per differenza, cosa non è contenuto nel progetto.

Deve pertanto essere facilmente leggibile e comprensibile anche da non addetti ai lavori. La forma grafica deve quindi essere scelta con questo particolare obiettivo.

Formato Grafico

 

Formato Tabellare

Formato outline

 

 

Informazioni su Francesco Bragadin

Insegno informatica e telecomunicazioni al liceo scienze applicate ed all'indirizzo informatica e telecomunicazioni. Ho terminato gli studi in ingegneria elettronica e telecomunicazioni lavorando per molti anni come libero professionista nell'ambito della gestione storage e disaster recovery su mainframe.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *